foto 0

Il Rinvenimento della Santa Croce, una festa di maggio perduta

Il culto della terra in una festa di fede dal sapore contadino

"Era chiamata la festa de Santa Croce", se radunava un po' de gente e se annava co 'u prete a benedi' le campagne, ora da 'na parte, ora da 'n'altra, per 7/8 giorni".

Da questa testimonanza di un contadino spoletino, raccolta da Novella Monticelli nella sua tesi di laurea a cavallo fra gli anni '70 e '80 e pubblicata nel libro "Quando la festa era festa" (edizioni Carta Bianca) si viene a conoscenza di una festa di maggio che si è del tutto persa: Parliamo della festa del Rinvenimento della Santa Croce, una ricorrenza legata al culto della terra di origini antichissime e radicata fino al secolo scorso anche nelle campagne spoletine. 

"S'andava fori col prete e se 'scognurava' la campagna, con la croce; se portava Cristo per i campi perché venissero bene le campagne e nun ce venissero più le rughe e la grandine e se dicèa "Signore, benedici le nostre campagne", poi se aggiungeva: "Mai più castagne all'asino, mannò, mannò, vengano bene le nostre campagne": E una vecchietta che c'aveva 'na pianta di mele 'c'aggiungeva: "Le milucce rosciòle 'ncò" - per scherzo. Se chiamavano "e rugazioni" (...) Se prendeva una cannucciola, se spaccava e ce se metteva dentro 2 foglie de giglio e un pezzetto de palma benedetta, una croce pe' campo - pe' la grandine - poi, quando se finiva de miete, si doveva fa' l'elemosina alle croci, se cojevano 3-4 spighe de grano e s'avvolgevano attorno a 'sta croce, come una forma de carità".

© 2019 Spoleto's Home di Claudia Cencini. P.IVA 03649250549